Il rapporto pianta-organo

Al rispecchiamento come modo di interpretare la realtà si rifà il principio delle “segnature” con cui nell’antichità, nel Medioevo e nel Rinascimento, si individuava l’erba indicata nella cura delle varie affezioni.

Si coglievano analogie tra la pianta e la parte del corpo che poteva curare: così nelle foglie della polmonaria si individuava una corrispondenza con la struttura alveolare dei polmoni, nell’eufrasia si scorgeva l’occhio, nel gheriglio della noce il cervello.

Questa voce è stata pubblicata in Erboristeria, Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>